Tornare

Gambe e salute

come evitare la pesantezza nei mesi estivi

Categoria: Salute
Tags: Prof.Rossi, salute, alimentazione
...

Le gambe sono un indicatore di senescenza. Perdere forza, dinamicità nelle gambe esprime il proprio stato di salute vascolare, ossea, muscolare, metabolica, estetica. Le articolazioni: anca, ginocchio, caviglia sono colpite da patologie limitanti la stazione eretta e la deambulazione. Con il passare degli anni le gambe perdono il loro muscolo e si riempiono di grasso. Si svuotano e modificano la loro estetica. Lipedema e linfedema interessano sempre più donne. Uno scenario che coinvolge medici di varie specializzazioni e tanti farmaci ed integratori, spesso senza un reale e duraturo risultato. Avere incertezza nel camminare, nel salire e scendere le scale, alzarsi con difficoltà dalla posizione seduta indicano la propria età funzionale. Le gambe servono per stare in piedi, per camminare. Due funzioni che sottovalutiamo. CAMMINARE. E’ una terapia vitale per le gambe e per la salute dell’intero organismo. Con le gambe facciamo attività motoria aerobica in grado di far respirare maggiori volumi di ossigeno, che e’ il principale nutriente del nostro corpo. Più le gambe si muovono e più ossigeno entra dentro le nostre cellule. OSSIGENO. La carenza di ossigeno scatena la ipossia, condizione che genera infiammazione e senescenza. Il processo di invecchiamento e’ un processo infiammatorio, generato da riduzione di ossigeno nel sangue e all’interno delle cellule. In particolare l’ossigeno agisce sulle cellule staminali, che sono le cellule madri di altre cellule. Per non morire il nostro corpo deve rinnovare le proprie cellule ogni giorno, e lo può fare grazie alle cellule staminali. Ma con carenza di ossigeno le cellule staminali vanno in sofferenza. DOSE GIORNALIERA di OSSIGENO. Si può conoscere il volume personsjd giornaliero di ossigeno mediante questa formula: 3.5 ml x 1 kg x 1 minuto. Io peso 72 kg, e applico la formula: 3,5 ml x 72 kg x 1 minuto = 252 ml di ossigeno in un minuto / 252 x 60 minuti = 15120 ml, che sono 15,1 litri di ossigeno in una ora/ 15.1 x 24 ore = 362.4 litri da introdurre ogni giorno con la respirazione. Invito ad eseguire il vostro calcolo per conoscere il vostro bisogno personale di ossigeno. LE GAMBE e L’OSSIGENO. L’ossigeno non e’ sulla tavola, ma nell’aria e va respirato. Dopo due minuti senza ossigeno il nostro corpo muore. Occorre quindi camminare, fare attività aerobica per restare efficienti e vivere in salute a lungo. Nasce da queste riflessioni l’indicazione di realizzare 10 mila passi al giorno. Non e’ facile, ma più si riduce il numero dei passi giornaliere e più aumenta il rischio di patologie degenerative e di accumulo di grasso corporeo. Per eliminare un solo grammo di grasso corporeo occorrono ben due litri di ossigeno. Anche io duro fatica a realizzare 10 mila passi al giorno. DIARIO GIORNALIERO. Nel nostro cellulare esiste una applicazione che misura i nostri passi. Ieri ho realizzato 15958 passi in camminate in montagna (scheda in foto) ma nella settimana ho avuto una media di 8809 passi (scheda in foto). Più si abbassa il numero dei passi giornaliera e più e’ alto il rischio di invecchiare ed avere patologie degenerative. Non e’ sufficiente realizzare una sana alimentazione, occorre muovere le gambe: CAMMINARE. Buona giornata in salute.

Dieta Social Magazine n. 77 del 29/07/2021 | Editore: Media Share srl - Via Marco Polo 55 - Rende (CS) | Direttore responsabile: Stefania De Napoli | Reg. Stampa Trib. CS n° 1/2020 - Settimanale | ISSN 2724-3044